IMPLANTOLOGIA DENTALE e CHIRURGIA

Romano Medica Dental

Implantologia dentale e Chirurgia

L’implantologia dentale al Romano Medica Dental è il frutto di nuove tecniche cui si ricorre per rimpiazzare i denti mancanti con impianti in titanio inseriti all’interno dell’osso. Gli impianti costituiscono la radice ricreata in modo artificiale su cui realizzare delle protesi fisse immediate (carico immediato) o a distanza di qualche mese (carico differito), a seconda del paziente.

Gli impianti dentali possono essere inseriti anche in caso di gravi mancanze dentali o totale perdita dei denti. La chirurgia dentale permette di intervenire su tutta l’arcata, per un ripristino totale, o su parte di essa.

 

Intervenire tardi comporta un maggior danno ai denti vicini

È importante provvedere in tempo al reinserimento dei denti mancanti con protesi fisse, che possano ristabilire il giusto equilibrio nella cavità orale e la masticazione corretta. Prima che i denti della stessa arcata subiscano alterazioni che richiederebbero interventi più complessi e costosi.

Ecco cosa succede, infatti, quando mancano i denti. Il vuoto che lasciano i denti mancanti viene riempito dagli altri denti della stessa arcata dentale. Il risultato è uno spostamento dei denti che tendono ad allungarsi verso lo spazio vuoto. Più tempo passa, maggiore è il danno che si procura a tutta l’arcata perché non si tratterà più di rimettere solo i denti ma anche di intervenire sui denti vicini.

 

Protesi a carico immediato

Con l’implantologia a carico immediato si recupera subito la masticazione che era stata compromessa dalla perdita dei denti. A stretto giro, dopo l’intervento, è possibile tornare a masticare senza alcun problema.

Al Romano Medica Dental interveniamo con le più attuali tecniche di chirurgia dentale mini-invasive, permettendo quindi l’inserimento degli impianti senza incidere la gengiva e accorciando il recupero e i tempi di guarigione.

 

Cosa significa carico immediato?

Il carico immediato prevede l’inserimento della protesi fissa sull’impianto dentale a breve distanza (24/48 ore) dall’inserimento nell’osso dello stesso impianto. Questa procedura, che consiste comunque in provvisori che andranno sostituiti una volta raggiunta l’osteointegrazione completa (l’unione tra osso e impianto artificiale che diventano un tutt’uno), ci permette di riparare rapidamente il danno estetico e ripristinare le funzionalità dei denti.

D’altra parte, però, questa tecnica espone al rischio di danni all’impianto a causa di una sollecitazione masticatoria prematura con la formazione di tessuto connettivo molle intorno all’impianto. Da valutare insieme al medico implantologo se questa procedura sia adatta alle proprie condizioni.

Qualora gli impianti inseriti godano di una buona stabilità primaria nell’osso, allora si potrà raggiungere anche una buona stabilità secondaria, ma ci vorrà comunque del tempo.

 

Carico immediato o carico differito?

Gli impianti a carico immediato sono una valida soluzione per chi non vuole la protesi mobile e desidera recuperare la funzionalità dei denti in modo rapido, oltre che l’estetica del sorriso. Sono sicuramente la soluzione ideale nel caso di ponti su impianti preesistenti già osteointegrati. L’intervento si svolge nel giro di un giorno.

Tuttavia, per essere idonei a questa procedura bisogna avere alcuni requisiti riguardanti le condizioni cliniche e anatomiche, tra queste:

  • buona stabilità primaria dell’osso
  • buona quantità e densità ossea
  • ottime condizioni di gengive e tessuti molli
  • un corretto piano occlusale masticatorio
  • assenza di problemi come il bruxismo, ovvero il digrignamento dei denti, che possono diventare dannosi, e di patologie che possono inibire l’integrazione degli impianti.

 

Protesi a carico differito

Se non ci sono le condizioni ideali per il carico immediato, si risolverà con l’implantologia a carico differito. Questa tecnica è più sicura perché implica l’attesa della guarigione con la previsione più chiara dei risultati che si possono ottenere dal punto di vista dell’osteointegrazione, quindi della stabilità e della durata degli impianti.

L’impianto a carico differito prevede due fasi: l’inserimento dell’impianto in titanio e il montaggio della protesi, dopo il periodo necessario all’osteointegrazione.

Vuoi sapere quale impianto dentale è più adatto a te? Contattaci per prenotare la prima visita di valutazione.

 

Osteointegrazione, cosa significa e perché è importante

L’impianto deve integrarsi con l’osso (processo che prende il nome di osteointegrazione) ed essere stabile. Dopo che è avvenuta l’osteointegrazione, è possibile applicare la protesi sull’impianto. Di fatto, l’impianto ha la funzione di sostenere la protesi artificiale. Questa sostituisce il dente mancante svolgendo la funzione della masticazione.

Affinché si possa ottenere un buon risultato rispetto all’inserimento dell’impianto è necessario che vi sia una effettiva integrazione e fusione tra impianto e osso attraverso la formazione di nuovo tessuto osseo. Entrambe le condizioni creano il terreno per la stabilità primaria e secondaria dell’impianto.

 

Quanto durano gli impianti dentali

In genere, gli impianti dentali possono resistere anche per un tempo di 10-20 anni a seconda dei materiali usati e di come sono stati costruiti, ma anche della cura riservata all’igiene orale. Tuttavia, bisogna specificare che gli impianti sui molari sono più soggetti a usura rispetto a quelli frontali. Il motivo è che questi ultimi lavorano di meno dei molari deputati a masticare.

 

E quanto tempo dura invece un intervento di impianto dentale?

Al contrario di ciò che si pensa, un intervento di implantologia dura relativamente poco, in genere dai 15 ai 30 minuti.

 

Gli impianti dentali sono adatti a tutti?

Non ci sono limiti rispetto alla possibilità di sottoporsi all’implantologia dentale. Le nuove tecniche ci consentono di ottenere risultati eccellenti in qualsiasi condizione. Non a caso aumentano i pazienti che scelgono la protesi su impianti dentali, a prescindere dalla propria anatomia e dal problema.

Sicuramente, una bocca senza denti può incorrere in problemi di diverso tipo, nel tempo, dalla masticazione e digestione compromesse alla malformazione osteoarticolare che crea conseguenze tutt’altro che vivibili.

 

Chirurgia Dentale Semplice

Per chirurgia odontoiatrica semplice si intendono gli interventi di estrazione di denti inclusi, denti del giudizio inclusi e non, estrazione denti sovrannumerari. Queste procedure si possono affrontare ricorrendo alla sedazione cosciente.

CONTATTI

Vuoi saperne di più?

Per altre info compila il Form, ti risponderemo a  breve

modulo contatti

"*" indica i campi obbligatori

Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

DAL 1981 CI PRENDIAMO CURA DEL TUO SORRISO